Expo Savona 2017

25^ RASSEGNA ESPOSITIVA NAZIONALE delle Attività Economiche, Commerciali, Industriali e Artigianali

Albissola Marina
Parco delle Fiere
Viale Faraggiana
18 / 26 Marzo 2017

Ghiso: l’Expo traina l’economia

Il Secolo XIX 16/03/2009

Articolo da Il Secolo XIX del 16/03/2009La crisi c’è ma l’Expo non la teme. Con questo slogan il presidente dell’Ente Fiera, Fiorenzo Ghiso, rilancia la volontà di lavorare affinché sia proprio la rassegna organizzata da “Pubblicitalia e20” a fare da traino per l’economia savonese.
«Sono i numeri che parlano – spiega Ghiso -. Quasi 150mila presenze in fiera non sono poche. L’Expo da anni rappresenta una tradizione per Savona e nello stesso tempo ha nel suo dna il carattere dell’evento che si rinnova sempre. L’Expo deve essere questo: un momento di scambio».
L’Expo è diventato un evento di portata nazionale. Gli espositori provengono da tutta Italia.
«E’ vero, l’Expo è un momento importante per la nostra città, perché in questi dieci giorni tutta la città vive di più. La ricaduta positiva è sentita anche dai commercianti del centro e dai ristoranti, perché la fiera fa muovere la gente».
E ovviamente crea lavoro.
«Intorno e dentro l’evento Expo ci sono tantissime persone che lavorano. Basti pensare al mese dell’allestimento, a chi monta, smonta, fa funzionare il tutto. Parliamo di almeno una cinquantina di posti di lavoro in più, di circa 200 persone che ci lavorano e non è poco in tempi di crisi. Le difficoltà indubbiamente ci sono, anche se sappiamo tutti che la parola crisi significa cambiamento e quindi non bisogna considerarla solo in senso negativo. Certo, non stiamo vivendo un momento facile e le persone moderano i consumi perché non sanno cosa riservi il futuro. Si compra poco, ma l’Expo da questo punto di vista dimostra, con i suoi numerosi espositori, come ci siano ancora imprenditori che vogliono investire e io ritengo che sia proprio questo l’atteggiamento giusto in questi tempi non facili».
Eppure c’è chi investe anche in modo massiccio sulla fiera.
«Sul mercato si sta andando incontro al consumatore anche con grandi sacrifici. Nonostante la contrazione dei consumi, durante eventi come l’Expo la gente si muove, gli stand erano già tutti venduti un mese prima dell’apertura e, anche se c’è il rischio che gli affari possano essere inferiori rispetto agli altri anni, potremmo avere delle piacevoli sorprese. Quindi dall’Expo 2009 ci aspettiamo lo stesso successo degli altri anni, c’è un grande spirito propositivo da parte nostra e da parte delle aziende che partecipano, quindi sono ottimista».
In fiera c’è una quota del 70-80% di presenze fisse.
«Oltre alla presenza molto importante di aziende locali, abbiamo alcuni espositori che vengono a Savona dalla Calabria, dalla Sicilia, dal Piemonte, dall’Emilia. Ci sono un grande uno spazio per i camper, molti stand legati al tempo libero, all’edilizia ecologica».
Se l’Expo passerà indenne i tempi crisi riuscirà a trovare la sua collocazione definitiva? I futuri e possibili progetti urbanistici legati a Piazza Del Popolo potrebbero sottrarre la sede attuale alla fiera?
«Al momento ci stiamo guardando intorno e sicuramente qualche spazio verrà fuori. L’Expo è un evento che di certo non si fermerà qui e non si fermerà di fronte alcuni problemi logistici. L’Expo cresce e continuerà a crescere. Rappresenta un appuntamento troppo importante per Savona. Per l’anno prossimo dovrebbe essere possibile utilizzare ancora quest’area. Nel frattempo comunque stiamo ragionando con l’amministrazione comunale e con privati per vagliare altre possibilità. Di una cosa sono certo: l’Expo deve rimanere a Savona».

Category: Rassegna stampa

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*