Expo Savona 2017

25^ RASSEGNA ESPOSITIVA NAZIONALE delle Attività Economiche, Commerciali, Industriali e Artigianali

Albissola Marina
Parco delle Fiere
Viale Faraggiana
18 / 26 Marzo 2017

Zino & Vladi, la muscia dei Trilli

Il Secolo XIX 18/03/2009

Articolo da Il Secolo XIX del 18/03/2009Non poteva mancare all’Expo il tuffo nella nostalgia della canzone tradizionale ligure. E infatti con il concerto di stasera (ore 21, ingresso gratuito per i visitatori della fiera) sul palco del PalaExpo saliranno Francesco Zino e Vladimiro Zullo, in arte Vladi, figlio dell’indimenticabile Pippo dei Trilli. Lo spettacolo si intitola “Trilli, musiche e racconti dalla Liguria” e riporterà in scena i grandi successi di Giuseppe Zullo e Giuseppe Deliperi, Pippo e Pucci, che nel 1972 fondarono il gruppo dei Trilli spinti dalla passione per la canzone tradizionale ligure.
Lo show, tra canzoni tipiche genovesi e divertenti improvvisazioni dei musicisti, per tutto il 2009 verrà portato in tournée in Liguria, ma anche fuori dai confini regionali. E stasera dovrebbe partecipare anche don Andrea Gallo, fondatore della comunità di San Benedetto al Porto di Genova, grande appassionato del canto popolare e amico di vecchia data dei Trilli, di Vladi e di Zino.
«L’idea – spiega Zino, che è anche presidente dell’Associazione artistica musicale ligure – è quella di riprendere e di continuare il lavoro intrapreso da Pippo e Pucci sulla canzone tradizionale». Moltissimi i riferimenti e le riprese dei testi e delle canzoni dei Trilli, ma molte anche le sorprese, con coreografie e balletti curati da Roberta Maffioletti, proiezioni di filmati. Naturalmente, nel corso della serata, verrà suonata e cantata “Trilli Trilli”, sempre contornata dallo spirito ironico con cui Pippo e Pucci condivano le loro performance. «Lo spettacolo – aggiunge Zino – vuole anche essere un omaggio alla lungimiranza dei due: la ripresa dei vecchi motivi genovesi e liguri è un omaggio che percorrerà le tappe salienti della loro carriera andando a “spizzicare” all’interno della produzione dei Trilli. Una produzione che travalicò i patrii confini nel 1984 con la partecipazione al Festival di Sanremo con la canzone “Pomeriggio a Marrakesh”».
Sul palco Zino e Vladi saranno accompagnati dai componenti storici del loro gruppo: Afonso Miceli (chitarra), Marco Scarano (batteria), Franco Rosati (basso), Savino Carlone (fisarmonica e tastiere). Inoltre è prevista la partecipazione di Sandro Bavastro. Vladi sarà voce e suonerà il pianoforte, Francesco Zino voce, chitarra e “belinate”. Il gruppo sarà coadiuvato da quattro ballerine del Dams: Roberta Maffioletti, Cristina Ajassa, Federica Frosio e Tatiana Ratto. La regia tecnica e la scenografica sono curate da Massimiliano Zino.
La storia dei Trilli inizia nel 1972 con l’uscita del loro primo album “Canti de casa mæ”, in cui sono contenuti brani della tradizione ligure, quali “Piccun dagghe cianin” e “Trilli Trilli”, che diventa un inno cantato e fischiettato in qualunque genere di festa. Nel 1974 continua la loro grande serie positiva con l’uscita del brano “Trillallero”. Lo spirito umoristico e scherzoso, pur nel prosieguo della tradizione della canzone ligure, continua con brani di immediata simpatia quali “A l’ëa n-a figgetta” e “L’ûrtimo tango a Zena”, o di grande nostalgia come “Sensa moæ”. Nel 1977 esce “Vico drito Pontexello”, che contiene brani come “Boccadase”, “Chitara zeneize” e “Olidin olidena”. Nel 1980 esce l’album “Tra ûn gotto e l’ätro”, interamente registrato dal vivo nelle vecchie osterie di Genova. Nel 1997 muore Pucci e a maggio del 2007 anche Pippo lo segue. Ma lo spirito e la musica dei Trilli continua ancora con “Zino e Vladi, la storia dei Trilli”.

Category: Rassegna stampa

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*